assegno nucleo familiare con almeno tre figli minori

Esperienze, prassi, materiali
ealbanesi
Messaggi: 1
Iscritto il: ven ott 23, 2015 9:57 am

assegno nucleo familiare con almeno tre figli minori

Messaggioda ealbanesi » mar nov 10, 2015 5:09 pm

Buonasera, vorrei un chiarimento sul nuovo ISEE, applicato all'assegno per il nucleo familiare con almeno tre figli minori.
Siamo in presenza di una attestazione ISEE (ordinario) con genitore non convivente aggregato al nucleo (il papà) nella quale abbiamo un valore ISE del genitore non convivente diverso dal valore ISE risultante per il resto del nucleo (mamma e tre figli minori).
Dunque, a quale valore ISE far riferimento ai fini del calcolo del diritto alla prestazione ANF: al valore ISE del genitore non convivente aggregato al nucleo o al valore ISE del genitore convivente con i tre figli minori?
Ringrazio tutti

stefanofranzon
Messaggi: 14
Iscritto il: mar ott 20, 2015 2:39 pm
Località: Concordia Sagittaria

Re: assegno nucleo familiare con almeno tre figli minori

Messaggioda stefanofranzon » mer nov 11, 2015 8:47 am

Buongiorno,
l'INPS nella FAQ A_10 (edizione giugno 2015-vedi i materiali) indica la necessità di calcolare l'ISEE minorenni per l'Assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori concesso dai Comuni, precisando (nella FAQ V_18) che il Comune dovrà tener conto di eventuali importi dell'Assegno, erogati nell'anno precedente e dichiarati nella DSU, ai fini della verifica del requisito economico.
L'ISEE per le prestazioni agevolate rivolte ai minorenni è disciplinato dall'art. 7 del DPCM 159/2013:
1. Ai fini del calcolo dell’ISEE per le sole prestazioni sociali agevolate rivolte a minorenni, il genitore non convivente nel nucleo familiare, non coniugato con l’altro genitore, che abbia riconosciuto il figlio, fa parte del nucleo familiare del figlio, a meno che non ricorra uno dei seguenti casi:
a) quando il genitore risulti coniugato con persona diversa dall’altro genitore;
b) quando il genitore risulti avere figli con persona diversa dall’altro genitore;
c) quando con provvedimento dell’autorità giudiziaria sia stato stabilito il versamento di assegni periodici destinato al mantenimento dei figli;
d) quando sussiste esclusione dalla potestà sui figli o è stato adottato, ai sensi dell’articolo 333 del codice civile, il provvedimento di allontanamento dalla residenza familiare;
e) quando risulti accertato in sede giurisdizionale o dalla pubblica autorità competente in materia di servizi sociali la estraneità in termini di rapporti affettivi ed economici;
2. Per le prestazioni sociali agevolate rivolte ai componenti minorenni, in presenza di genitori non conviventi, qualora ricorrano i casi di cui alle lettere a) ed b) del comma 1, l’ISEE è integrato di una componente aggiuntiva, calcolata sulla base della situazione economica del genitore non convivente, secondo le modalità di cui all’allegato 2, comma 2, che costituisce parte integrante del presente decreto.

stefanofranzon
Messaggi: 14
Iscritto il: mar ott 20, 2015 2:39 pm
Località: Concordia Sagittaria

Re: assegno nucleo familiare con almeno tre figli minori

Messaggioda stefanofranzon » mer gen 20, 2016 5:07 pm

l'art. 13 del DPCM 159/2013, conferma l'assoggettamento del beneficio in oggetto al nuovo isee, facendo necessariamente venir meno la previsione dell'art. 17 del DM 452/2000
17. Dichiarazione sostitutiva e calcolo dei benefici.
1. 1. Il richiedente, unitamente alla domanda di assegno, presenta la dichiarazione sostitutiva di cui all'
articolo 4 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 109, come modificato dal decreto legislativo 3 maggio
2000, n. 130 . Il richiedente non è tenuto a presentare la dichiarazione sostitutiva se al momento della
domanda di assegno è già in possesso dell'attestazione della dichiarazione sostitutiva in corso di validità
e contenente i redditi percepiti dal nucleo nell'anno precedente a quello di presentazione della domanda
medesima

nulla pare invece essere stato modificato nel merito della previsione di cui all'art. 16 DM 452/2000
16. Domanda per l'assegno per il nucleo familiare.
1. La domanda per l'assegno per il nucleo familiare è presentata, per ogni anno solare o periodo inferiore
in cui sussiste il diritto, entro il termine perentorio del 31 gennaio dell'anno successivo a quello per il quale
è richiesto il beneficio

Se interpreto correttamente le norme, e nulla mi è sfuggito, ciò consente due possibili situazioni particolari:
A) presentazione dell'istanza prima del 15 gennaio (es.: 2016) con possibilità di richiedere il beneficio, sia per l'anno 2015 che per l'anno 2016, con isee calcolato nel 2015;
B) presentazione dell'istanza dopo il 15 gennaio (es.: 2016) con possibilità di richiedere il beneficio, sia per l'anno 2015 che per l'anno 2016, con isee calcolato nel 2016.
Ovviamente a discrezione del richiedente che può optare per una delle due soluzioni, eludendo eventualmente i limiti imposti per uno specifico anno, eventualmente superati in uno dei due calcoli ISEE.
Condividete tale interpretazione? mi sono perso qualche pezzo? come vi comportate in merito?


Torna a “La Comunità di Pratica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron